Dettagli opera: CARNEFICI E VITTIME

Di seguito i dettagli dell'opera selezionata. Si può procedere al download dal link presente al termine della scheda

Autore:
LEHNER GIANCARLO - BIGAZZI FRANCESCO
Titolo:
CARNEFICI E VITTIME
Edito da:
MONDADORI
Anno di edizione:
2006
Genere:
STORIA
Formato di registrazione:
DAISY
Codice isbn:
8804551267
Durata:
1745 minuti
Dimensione file:
1040914653
Lettura eseguita da:
SQUASSINA DANIELE
Livello di lettura:
PRIMO LIVELLO

Risguardo di copertina

NEI SOGNI DEI COMUNISTI OCCIDENTALI DEGLI ANNI VENTI E TRENTA L'UNIONE SOVIETICA APPARIVA COME LA 'TERRA PROMESSA'. MOLTI DI LORO INTRAPRESERO PERCIò LUNGHI E SPESSO DISAGEVOLI VIAGGI CLANDESTINI NELLA PATRIA DEL SOCIALISMO, NELLA SPERANZA DI VEDER CONCRETATI I LORO IDEALI DI UGUAGLIANZA E GIUSTIZIA. MA, ARRIVATI A DESTINAZIONE, SCOPRIRONO CON AMAREZZA CHE LA REALTà ERA BEN DIVERSA, CHE LA VITA QUOTIDIANA ERA DIFFICILE E LE CONDIZIONI DI LAVORO PESANTISSIME. E BENCHé L'ITALIA FOSSE OPPRESSA DAL REGIME FASCISTA, MANTENNERO SEMPRE VIVO IL LEGAME CON IL PROPRIO PAESE, ANCHE NELLE FORME PIù SEMPLICI E INNOCUE: QUALCHE PAROLA SCAMBIATA CON I CONNAZIONALI, UN INCONTRO AL CAFFè CON UN NUOVO COLLEGA GIUNTO DALL'ITALIA, UNA LETTERA AI PARENTI LONTANI. NON IMMAGINAVANO CHE, A CAUSA DEL CLIMA DI SOSPETTO VIA VIA CREATOSI, OGNI ATTO E OGNI PAROLA SAREBBERO STATI CONSIDERATI CONTRORIVOLUZIONARI, DA PAGARE, COME SPESSO ACCADRà, CON LA VITA. Né CHE GLI AMICI E COMPAGNI COMUNISTI SI SAREBBERO TRASFORMATI NEI LORO PRINCIPALI DELATORI: SARà INFATTI LA SEZIONE ITALIANA DELL'UFFICIO QUADRI DEL COMINTERN (FRA CUI PALMIRO TOGLIATTI, DOMENICO CIUFOLI, ANTONIO ROASIO) A FORNIRE AL COMMISSARIATO DEL POPOLO PER GLI AFFARI INTERNI GLI ELENCHI DEI "DEVIATI", DEI PORTATORI CONTAGIOSI DI "UMORI NEGATIVI" E DI "MALCONTENTO" NEI CONFRONTI DELL'UNIONE SOVIETICA. DOPO "LA TRAGEDIA DEI COMUNISTI ITALIANI", GIANCARLO LEHNER, CON UNA NUOVA SERIE DI SCONCERTANTI DOCUMENTI INEDITI EMERSI DALLE SUE RICERCHE E DA QUELLE DI FRANCESCO BIGAZZI NEGLI ARCHIVI SOVIETICI, PROSEGUE IL PROPRIO RACCONTO SULLA DRAMMATICA SORTE CHE TOCCò A TANTI ITALIANI DEPORTATI NEI GULAG DI STALIN. A MOLTI DI QUESTI GIOVANI DISILLUSI Dà UN NOME E UN VOLTO, RESTITUENDO LORO L'INTEGRITà MORALE E POLITICA. ATTRAVERSO I VERBALI DEGLI ESTENUANTI INTERROGATORI NE RICOSTRUISCE LA STORIA, IL CUI TRISTE EPILOGO SEGUE UN COPIONE PREDETERMINATO: DOPO INIMMAGINABILI TORTURE, TUTTI SI AUTOACCUSANO E DICHIARANO DI AVER SVOLTO ATTIVITà SPIONISTICA A FAVORE DELL'ITALIA FASCISTA, NONCHé DI ESSERE TROTZKISTI E BORDIGHISTI. DA QUI ALLA CONDANNA A MORTE IL PASSO è BREVE. SOLTANTO DOPO IL 1956 VERRANNO IN GRAN PARTE 'RIABILITATI', MA SPESSO ALLE FAMIGLIE NON SARà COMUNICATA LA VERA CAUSA DEL DECESSO. "CARNEFICI E VITTIME" FA LUCE SU UNA PAGINA DIMENTICATA DELLA NOSTRA STORIA RECENTE, DENUNCIANDO LE PRECISE RESPONSABILITà DEL COMITATO DIRIGENTE DEL PARTITO COMUNISTA ITALIANO DI ALLORA. IL SUO INTENTO è QUELLO DI RIMEDIARE A "UN'AMNESIA PROGRAMMATA" DI CUI FURONO VITTIME "CENTINAIA DI DONNE E UOMINI TRADITI DALLA LORO STESSA FEDE POLITICA TANTO GENEROSAMENTE E PERIGLIOSAMENTE TESTIMONIATA".

Centro nazionale del libro parlato Francesco Fratta

Via Borgognona 38 - 00187 Roma