Libri più scaricati

Ecco la classifica dei 20 libri più scaricati.

KEIGO HIGASHINO: LA COLPA

Risguardo di copertina

naoki, uno studente delle scuole superiori, vive con suo fratello maggiore tsuyoshi che si prende cura di lui dopo la morte dei genitori. tsuyoshi, che non ha studiato, ha un sogno: permettere a naoki di frequentare l'università e laurearsi, nella speranza che lui possa condurre una vita migliore della sua. nel disperato tentativo di sottrarre una piccola somma di denaro, tsuyoshi finisce con l'uccidere un'anziana signora ed è condannato a quindici anni di carcere, mentre naoki comincia una nuova, tormentata vita: etichettato come "il fratello minore di un rapinatore e assassino", incontra enormi difficoltà nel trovare una collocazione nella società. perde il lavoro, il sogno di diventare un cantante e la possibilità di sposare la fidanzata. si sforza in tutti i modi di nascondere la verità, ma ogni mese ritrova un segno tangibile dell'esistenza di suo fratello ad aspettarlo nella cassetta della posta: una lettera dal carcere. la situazione disperata cambia gradualmente grazie a yumiko, una sua ex collega che si innamora di lui.

SIMONI GIANNI: FIORI PER UN VAGABONDO

Risguardo di copertina

una sparatoria in pieno giorno sulla porta di un bar nella periferia di brescia. e, mentre una vespa si allontana a tutto gas verso la tangenziale, un barbone che passava di lì per caso si accascia sul marciapiede. sembrerebbe una faccenda di poco conto, eppure... subito emergono alcune stranezze: se si trattava di un vagabondo, perché allora indossava una camicia cifrata e di ottima fattura e aveva le unghie dei piedi curate? e come mai è stato colpito da ben due colpi, uno di striscio alla spalla e l'altro, letale, in pieno viso? un proiettile vagante passi, ma due... i conti non tornano per il commissario miceli, che, in assenza del commissario titolare grazia bruni, è stato reintegrato a tempo pieno, con buona pace della sospirata e sempre più lontana pensione. e, come sempre, quando i conti non tornano, miceli chiama in aiuto il suo vecchio amico, l'inossidabile ex giudice petri. nonostante le flebili, se non quasi inesistenti tracce - un anonimo mazzo di fiori di campo lasciato chissà da chi sul luogo del delitto -, i due investigatori riusciranno a dare corpo a un caso che rischiava di scomparire, come la sua vittima.

BISOTTI MASSIMO: FOTO/GRAMMI DELL'ANIMA

Risguardo di copertina

dopo il successo di "il quadro mai dipinto", ecco i "foto/grammi dell'anima", il primo libro di massimo bisotti, in una versione ampliata e riveduta dall'autore, impreziosita da dieci illustrazioni di stefano morri realizzate per l'occasione. un libro che ha l'apparenza di una raccolta di fiabe contemporanee: "il giardino dell'anima", "il mare e la luna", "l'ombrellaio del tempo", "l'istrice solitario"... sospese tra le favole di esopo e "il piccolo principe", capaci di evocare e incantare, come solo la letteratura più grande e vera sa fare. attraverso queste storie, in cui non sempre l'uomo è protagonista, impariamo l'importanza dell'umiltà e la fatica che ognuno di noi fa per diventare se stesso. raccontando l'amore fra due note su un pentagramma o i bisticci che agitano i colori sulla tavolozza di un pittore, massimo bisotti ci parla di noi, dei nostri entusiasmi e dei nostri errori di felicità, che tanto spesso ci conducono lontano dal cammino previsto. questo libro nasconde dentro di sé un piccolo miracolo: la capacità dell'autore di scavare dentro il suo cuore e raggiungere contemporaneamente quello del lettore, creando un contatto di anime che si mettono a nudo. ancora una volta bisotti riesce a stupire e a commuovere, mostrandoci un cammino di vita in cui sono deposti i giudizi e i pregiudizi, diretto al riconoscimento di quello che è più vero, profondo e necessario, dentro di noi e dentro chi incontriamo nel nostro percorso.

DEAVER JEFFERY: IL FILO CHE BRUCIA

Risguardo di copertina

la notizia raggiunge lincoln rhyme nella sua casa-laboratorio di central park west: l'orologiaio, l'unico criminale a essergli sfuggito, è stato avvistato all'aeroporto di città del messico. rhyme sta già pregustando l'occasione di regolare i conti con la sua nemesi, quando al quartier generale dell'nypd scatta l'allarme per un caso che richiede il suo intervento. perché in pieno centro a manhattan un autobus di linea è stato colpito da una violenta scarica elettrica che lo ha ridotto a una carcassa di metallo incandescente. la scena del crimine non lascia dubbi: qualcuno si è divertito a giocare con la rete elettrica della città, e quello che poteva sembrare un incidente è in realtà un attentato riuscito solo a metà. poco dopo, infatti, il misterioso attentatore si fa vivo con la polizia per avanzare la sua esorbitante richiesta: una riduzione dei consumi elettrici così drastica da condannare new york alla paralisi. mentre la task-force guidata da rhyme segue la pista di un gruppo di ecoterroristi, i blackout e gli incidenti letali si moltiplicano, la città precipita nel caos e la minaccia elettrica rivela tutto il suo devastante potenziale distruttivo. solo lincoln rhyme può sperare di sventare il piano criminale di chi sta trasformando new york in una gigantesca trappola mortale. ma prima di incastrare il colpevole, rhyme dovrà affrontare i fantasmi più reconditi della propria coscienza e del proprio passato. evitando di lasciarci la pelle

ROLLINS JAMES: LA CORONA DEL DIAVOLO

Risguardo di copertina

alexander bell è un uomo di scienza e non crede a simili superstizioni, tuttavia ha promesso al direttore dello smithsonian institution di trovare quell'oggetto e di proteggerlo, anche a costo della vita. queimada grande, brasile, oggi. un team di ricercatori deve catturare alcuni esemplari della particolare specie di vipera che infesta l'isola. ma, non appena sbarcano, si trovano di fronte a una scena sconcertante: tutti i serpenti sono morti. nello stesso istante, sentono il rombo di un elicottero in avvicinamento. gli scienziati non sanno di avere solo pochi minuti di vita. hana, hawaii, oggi. un remoto angolo di paradiso dove trascorrere alcuni giorni di vacanza diventa all’improvviso una trappola mortale. per scoprire cosa stia succedendo – e per salvarsi da un attacco senza precedenti – gray pierce e seichan devono mettersi sulle tracce di un mistero che affonda le radici nell’epoca della fondazione dello smithsonian e scongiurare una minaccia che potrebbe eliminare la razza umana dalla faccia della terra. isolati dagli altri membri della sigma force, gray e seichan saranno costretti a tentare il tutto per tutto, braccati da un nemico che credevano di aver sconfitto da tempo: la gilda.

RUSCH CLAUDIA: LA STASI DIETRO IL LAVELLO

Risguardo di copertina

claudia impara fin da piccola a diffidare dei poliziotti, a non esprimere chiaramente le proprie inclinazioni o le preferenze per le materie umanistiche, a mimetizzarsi nel conformismo dominante per non farsi notare. ma per lei, la vita nella ddr, la germania dell'est, è tutt'altro che normale perché è una ragazza poco comune, cresciuta in una famiglia vicina agli ambienti della dissidenza politica, figlia di genitori impegnati nella difesa dei diritti civili. in un originale romanzo autobiografico a episodi che ripercorre gli ultimi quindici anni di vita della germania dell'est, claudia racconta la propria quotidianità all'ombra del muro (con gli occhi sempre vigili della stasi) tra assurde vessazioni e persecuzioni ma anche speranze, innocenze, sorrisi, i primi amori, le manifestazioni. fino a quando il muro crolla e... con un tono limpido, divertente, alieno da qualsiasi forma di retorica o facile autocommiserazione, ecco materializzarsi un mondo mai troppo reale, addolcito dallo sguardo dell'infanzia e combattuto con gli ideali dell'adolescenza.

ROLLINS JAMES: LA CITTA' SEPOLTA - 2 PARTE

Risguardo di copertina

penisola arabica, 300 d.c. ubar era la città più ricca e ammirata dell'antichità, ma un giorno scomparve agli occhi degli uomini, sepolta sotto una tempesta di sabbia. la chiamano l'atlantide del deserto... londra, oggi. un'esplosione distrugge la galleria kensington, l'ala del british museum riservata ai manufatti arabi. è stato un attentato? o uno strano fenomeno naturale, come sembra dalla registrazione delle telecamere di sorveglianza? ma la curatrice della collezione, sofia al-maaz, scopre tra le macerie un oggetto sorprendente. arabia, oggi. l'agente della sigma pointer crowe, che partecipa alle indagini, deve scoprire quale segreto nasconde la città perduta di ubar: ma il deserto non è l'unica minaccia che dovrà fronteggiare... da londra al golfo persico, da washington al deserto arabo, quella che sembra un'affascinante sfida scientifica, si trasformerà presto per pointer e sofia in una sfida mortale, un percorso a ostacoli, di enigmi, misteri e trappole letali.

CIBRARIO BENEDETTA: IL RUMORE DEL MONDO - PARTE 2

Risguardo di copertina

un romanzo storico in cui il risorgimento agisce da lente d'ingrandimento per il nostro tempo. la storia di anne bacon, figlia di un mercante di seta e sposa di un ufficiale piemontese, è la grande storia di come è cominciata la nostra storia.«per le ragazze del secolo scorso - intendo il xix - niente di meglio di questo romanzone narrato con voce limpida. siamo a metà dell'ottocento, tra fruscii di seta e i sussulti della storia. imperdibili le cronache salottiere della signora manners» - robinson, la repubblicati do una notizia, sono arrivato alla conclusione che ha ragione tuo figlio. il mondo è giovane. che sia anche irrequieto è scontatol'ufficiale piemontese prospero carlo carando di vignon, di stanza a londra, sposa anne bacon, figlia di un ricco mercante di seta. quando, dopo essere stata vittima del vaiolo, arriva a torino, anne è molto diversa. la vita coniugale si annuncia come un piccolo inferno domestico, ma il suocero casimiro la invita a occuparsi della proprietà del mandrone, il cui futuro soltanto a lui – conservatore di ferro – sembra stare a cuore. tra i due si stabilisce un'imprevedibile complicità e anne matura amore e dedizione per la vita appartata e operosa che vi conduce. la storia della famiglia vignon si intreccia ai fili dello spirito del tempo, e non di meno a quelli della seta. anne bacon scopre come conquistarsi un posto nella storia di un paese non ancora nato, di un orizzonte ideale che infiamma il mondo. progressisti e conservatori, al di là degli schieramenti politici, si trovano davanti alla necessità di rispondere al cambiamento e lo fanno agendo – nell'economia, nel costume, nella morale, nella cultura. e l'italia appare, vista da lontano (complici anime migranti come anne, e il suo entourage femminile), vista come utopia e come sfida.

POLITKOVSKAJA ANNA: CECENIA

Risguardo di copertina

il 7 ottobre 2006 muore anna politkovskaja, assassinata nell'ascensore del suo palazzo a mosca, mentre stava rincasando. è opinione di molti che la sua morte sia legata all'instancabile lavoro di ricerca della verità sulla questione cecena, che la coraggiosa giornalista portava avanti senza sosta da anni. nata nel 1958, ha ricevuto numerosi riconoscimenti prestigiosi, tra cui il golden pen award dell'unione dei giornalisti russi nel 2000, il global award for human rights journalism istituito dalla sezione britannica di amnesty international nel 2001, il premio per il giornalismo e la democrazia assegnatele dall'osce nel febbraio 2003. alla sua memoria sono stati tributati riconoscimenti in tutto il mondo. il coraggio dei suoi scritti e il suo sacrificio estremo fanno di anna politkovskaja un simbolo della libertà di pensiero e di parola. introduzione di roberto saviano.

HAWKINS ANTHONY HOPE: IL PRIGIONIERO DI ZENDA


SIMONI GIANNI: CHIUSO PER LUTTO

Risguardo di copertina

il commissario miceli è al suo primo giorno di pensione, quando una lettera del ministero lo informa che, a causa di un errore di calcolo, gli toccherà lavorare un altro anno. tuttavia, nel frattempo, grazia bruni, fresca di nomina a nuovo commissario, ha preso servizio. si ritrovano così a dover collaborare, gomito a gomito, l'esperto e saggio miceli e la giovane e risoluta bruni. e dietro le quinte, come sempre, c'è l'ex giudice petri a dar loro una mano. questa volta il caso, anzi i casi, di omicidio, sono due: due uomini assassinati con inaudita violenza. e il buon vecchio petri, per una curiosa fatalità, li conosceva entrambi. così, suo malgrado, si troverà personalmente coinvolto nelle indagini. e se, in un primo momento, le piste sembrano chiare, ben presto si confondono, si incrociano, sembrano diventare una sola, finché... si perdono tutte le tracce. a petri, a lui solo, l'onere di conoscere la verità, ma di doverne portare il peso in silenzio.

SCURATI ANTONIO: M. IL FIGLIO DEL SECOLO - PARTE 1

Risguardo di copertina

lui è come una bestia: sente il tempo che viene. lo fiuta. e quel che fiuta è un'italia sfinita, stanca della casta politica, della democrazia in agonia, dei moderati inetti e complici. allora lui si mette a capo degli irregolari, dei delinquenti, degli incendiari e anche dei "puri", i più fessi e i più feroci. lui, invece, in un rapporto di pubblica sicurezza del 1919 è descritto come "intelligente, di forte costituzione, benché sifilitico, sensuale, emotivo, audace, facile alle pronte simpatie e antipatie, ambiziosissimo, al fondo sentimentale". lui è benito mussolini, ex leader socialista cacciato dal partito, agitatore politico indefesso, direttore di un piccolo giornale di opposizione. sarebbe un personaggio da romanzo se non fosse l'uomo che più d'ogni altro ha marchiato a sangue il corpo dell'italia. la saggistica ha dissezionato ogni aspetto della sua vita. nessuno però aveva mai trattato la parabola di mussolini e del fascismo come se si trattasse di un romanzo. un romanzo – e questo è il punto cruciale – in cui d'inventato non c'è nulla. non è inventato nulla del dramma di cui qui si compie il primo atto fatale, tra il 1919 e il 1925: nulla di ciò che mussolini dice o pensa, nulla dei protagonisti – d'annunzio, margherita sarfatti, un matteotti stupefacente per il coraggio come per le ossessioni che lo divorano – né della pletora di squadristi, arditi, socialisti, anarchici che sembrerebbero partoriti da uno sceneggiatore in stato di sovreccitazione creativa. il risultato è un romanzo documentario impressionante non soltanto per la sterminata quantità di fonti a cui l'autore attinge, ma soprattutto per l'effetto che produce. fatti dei quali credevamo di sapere tutto, una volta illuminati dal talento del romanziere, producono una storia che suona inaudita e un'opera senza precedenti nella letteratura italiana. raccontando il fascismo come un romanzo, per la prima volta dall'interno e senza nessun filtro politico o ideologico, scurati svela una realtà rimossa da decenni e di fatto rifonda il nostro antifascismo.

SPARKS NICHOLAS: IL MEGLIO DI ME

Risguardo di copertina

si sono amati come solo due adolescenti si possono amare, negli anni dolci del liceo, nella cittadina di provincia che li ha visti nascere. ma il destino li ha divisi e hanno preso strade completamente diverse: nessuno dei due ha vissuto la vita che aveva immaginato. ora, vent'anni dopo, tornano a casa, richiamati dal funerale del loro mentore, che li aveva protetti quando ne avevano più bisogno. ritrovarsi significa mettere in discussione le scelte fatte, ma soprattutto capire se la loro antica passione può riportarli indietro nel tempo.

ZENITER ALICE: L'ARTE DI PERDERE

Risguardo di copertina

naïma si sente francese e non si è mai interrogata sul passato della sua famiglia. per lei l'algeria è una filastrocca incomprensibile cantata dalla nonna, i capelli ricci ereditati da suo padre, la schiera di zii e zie riuniti per i banchetti a base di couscous. ma cosa significa che suo nonno era un harki ? e per quale motivo suo padre non ha mai voluto parlarle della sua infanzia? l'arte di perdere è la storia di un lungo silenzio e della volontà di colmarlo. attraverso il ritratto indimenticabile di tre generazioni, alice zeniter canta l'amore di una famiglia prigioniera di un passato tenace e di una struggente voglia di libertà. « l'arte di perdere ricompone i tasselli mancanti di una famiglia, raccontando in che modo in un battito di ciglia si può perdere l'equilibrio e finire dalla parte sbagliata della storia». alí ha perso tutto. eppure non ha mai creduto che la storia potesse riservargli qualcosa di brutto. non a lui che è sopravvissuto alla battaglia di montecassino combattendo per la francia. non a lui, a cui il cielo ha letteralmente donato un torchio e dio un primogenito bello e sano come hamid. ma quando nel 1962 l'algeria ottiene l'indipendenza, alí non è piú l'uomo onorato e rispettato del suo piccolo villaggio. ha dovuto collaborare con gli oppressori francesi: ora nuovi oppressori lo perseguitano in nome di un'altra bandiera. alí deve lasciare per sempre ma questo ancora non lo sa gli uliveti della sua amata montagna in cabilia. hamid è ancora piccolo quando perde tutto per la prima volta. o meglio, scambia tutto quello che ha: l'innocenza per lo spettacolo delle torture della guerra civile, la casetta sul crinale per una tenda in un desolante campo d'accoglienza, i suoi fieri genitori per due ombre svuotate da un'anonima banlieue francese. di quello sradicamento hamid finisce per farne una religione, condannando il paese della sua infanzia all'oblio e se stesso alla condizione permanente di straniero. naïma ha perso l'algeria prima ancora di poterla avere. perché il padre hamid non ha mai voluto raccontarle niente, sua nonna non parla la sua lingua, la metà dei suoi zii è nata in francia, suo nonno alí è morto da tempo e in fondo va bene cosí. naïma è francese e pensa di non avere nulla in comune con quel paese sulla riva opposta del mediterraneo. fino a quando per lavoro non è costretta a visitare l'algeria e decide di conoscere meglio la travagliata storia della sua famiglia. anche se tutti la considerano «un'algerina» – soprattutto negli anni del terrorismo e della xenofobia che infetta l'europa naïma capisce presto che un paese non è un tratto somatico e non si può ereditare.

ANGELA ALBERTO: SAN PIETRO. SEGRETI E MERAVIGLIE IN UN RACCONTO LUNGO DUEMILA ANNI

Risguardo di copertina

se dovessimo raccontare la storia dell'umanità utilizzando dieci immagini, una di queste sarebbe certamente la basilica di san pietro: non solo è un luogo simbolo della cristianità, ma rappresenta la suprema sintesi di duemila anni di arte e scienza, creatività e potere. è un'immagine per noi talmente familiare che spesso non ci domandiamo nemmeno quali papi e artisti l'abbiano voluta, progettata e costruita, né come sia diventata quell'incredibile scrigno di capolavori che, nella sua magnificenza, ogni anno torna ad affascinare sette milioni di visitatori. eppure seguire l'evoluzione di san pietro nel tempo, come ci dimostra alberto angela in questo libro che abbina illustrazioni a un racconto, è un viaggio senza pari nella storia che svela anche vicende poco note e curiosità inedite. tutto comincia nel i secolo d.c. quando l'apostolo pietro viene crocifisso a testa in giù sul vaticanum: qui c'era il circo di nerone e, accanto, si stava sviluppando una vasta necropoli che sarebbe rimasta sepolta per secoli prima di tornare alla luce nel 1939. come fu possibile? nel iv secolo costantino decise di costruire una grande basilica sul luogo del martirio di pietro e... interrò la necropoli: nasceva così la chiesa più importante della cristianità, ricca di tesori e teatro per secoli di ogni genere di eventi come l'incoronazione di carlo magno.

DEAVER JEFFERY: L'ADDESTRATORE

Risguardo di copertina

ryan kessler, un poliziotto frustrato con un'eccessiva propensione all'alcol e il grilletto facile. joanna, sua moglie, una donna anonima e fin troppo riservata. maree, la sorella di quest'ultima, affascinante e instabile, irresistibilmente attratta da uomini e situazioni a rischio. come nel più crudele dei reality, i tre si ritrovano rinchiusi in un luogo inaccessibile e segreto, mentre un cacciatore di informazioni professionista, l'efferato e implacabile henry loving, tenta con ogni mezzo di rintracciarli per estorcere loro i dati riservati richiesti da una misteriosa "fonte". ben presto, però, nella struttura sorvegliata che dovrebbe garantire la protezione dei tre innocenti - o presunti tali - si risvegliano vecchi rancori e verità inattese cominciano ad affiorare. chi è davvero la fonte? un prete sospetto che usa i risparmi dei suoi sprovveduti fedeli per finanziare il terrorismo islamico? un senatore repubblicano in corsa per le prossime presidenziali? o un pericoloso psicopatico già amante di maree? e ancora, che cosa sa amanda, la figlia diciassettenne del poliziotto ryan? è possibile che sia lei il vero obiettivo di loving? corte, l'agente federale incaricato di gestire il programma di protezione, che con loving ha in sospeso una partita personale, per incastrarlo si affida alle sofisticate risorse tecnologiche di un'agenzia di sicurezza governativa. e parallelamente, da appassionato di giochi di logica e di intelligenza, studia con puntiglio le mosse del suo avversario.

ZACCARELLI GUIDO: INFORMATICA


DEAVER JEFFERY: IL FILO CHE BRUCIA

Risguardo di copertina

la notizia raggiunge lincoln rhyme nella sua casa-laboratorio di central park west: l'orologiaio, l'unico criminale a essergli sfuggito, è stato avvistato all'aeroporto di città del messico. rhyme sta già pregustando l'occasione di regolare i conti con la sua nemesi, quando al quartier generale dell'nypd scatta l'allarme per un caso che richiede il suo intervento. perché in pieno centro a manhattan un autobus di linea è stato colpito da una violenta scarica elettrica che lo ha ridotto a una carcassa di metallo incandescente. la scena del crimine non lascia dubbi: qualcuno si è divertito a giocare con la rete elettrica della città, e quello che poteva sembrare un incidente è in realtà un attentato riuscito solo a metà. poco dopo, infatti, il misterioso attentatore si fa vivo con la polizia per avanzare la sua esorbitante richiesta: una riduzione dei consumi elettrici così drastica da condannare new york alla paralisi. mentre la task-force guidata da rhyme segue la pista di un gruppo di ecoterroristi, i blackout e gli incidenti letali si moltiplicano, la città precipita nel caos e la minaccia elettrica rivela tutto il suo devastante potenziale distruttivo. solo lincoln rhyme può sperare di sventare il piano criminale di chi sta trasformando new york in una gigantesca trappola mortale. ma prima di incastrare il colpevole, rhyme dovrà affrontare i fantasmi più reconditi della propria coscienza e del proprio passato. evitando di lasciarci la pelle

DEAVER JEFFERY: IL BACIO D'ACCIAIO

Risguardo di copertina

amelia sachs è sulle tracce di un killer. lo ha individuato, anche se ancora non ne conosce l'identità, e lo sta cercando in un affollato centro commerciale di brooklyn. pochi, pochissimi istanti prima che la detective entri in azione, però, accade qualcosa: il pannello di una delle scale mobili cede improvvisamente, un uomo cade tra gli ingranaggi e muore stritolato dai denti metallici. mentre sachs si precipita in aiuto della vittima, il killer riesce a fuggire. si è trattato davvero di una fatalità? lincoln rhyme, dimessosi dopo una missione andata storta, torna al lavoro nel tentativo di aiutare la famiglia della vittima a ottenere un risarcimento. le indagini confluiranno però in un unico caso: un killer sabota i dispositivi di controllo di macchinari industriali ed elettrodomestici di uso comune, trasformandoli in armi letali. come prevedere le prossime mosse dell'assassino? mentre la conta delle vittime minaccia di aumentare, sachs e rhyme devono correre contro il tempo per svelare l'identità dell'uomo e scoprire quale sia il suo obiettivo ultimo. a coadiuvare la coppia di detective c'è anche juliette archer, affascinante tirocinante del celebre criminologo, come lui costretta su una sedia a rotelle. con le sue intuizioni juliette offrirà un contributo decisivo alla soluzione del caso.

CONTI DAVIDE: CRIMINALI DI GUERRA ITALIANI

Risguardo di copertina

attraverso un'ampia mole di documenti ufficiali, il libro opera una ricognizione dei crimini di guerra commessi dal regio esercito durante l'occupazione italiana in albania, jugoslavia, urss e grecia e di cui le alte gerarchie militari avrebbero dovuto rispondere alla fine della guerra. più precisamente, illustra le trattative, gli accordi, le politiche dilatorie attuate dal governo di roma per giungere a eludere ogni forma di sanzione giuridica ai danni dei vertici del proprio esercito cosicché i mancati processi, le assoluzioni e la generale impunità ha permesso la narrazione auto-assolutoria degli italiani "brava gente".