Libri più scaricati

Ecco la classifica dei 20 libri più scaricati.

RUSSO CARLA MARIA: LA BASTARDA DEGLI SFORZA

Risguardo di copertina

1463. in una milano splendida e in subbuglio dopo l'ascesa al potere di galeazzo maria sforza, tiranno crudele e spietato ma anche amante delle arti e della musica, nasce caterina, figlia illegittima di galeazzo, la quale fin da bambina dimostra qualità non comuni e uno spirito ribelle: impossibile imbrigliarla nell'educazione che sarebbe appropriata per una femmina, ama la caccia, la spada, la lotta. una sola regola sua nonna bianca maria riesce a inculcarle nell'animo: la necessità, per una nobildonna, di pagare il privilegio della sua nascita accettando il proprio destino, qualunque esso sia, per il bene del casato cui appartiene, anche a costo di tradire la propria natura. per questo, quando è costretta a nozze forzate per salvare il ducato da una pericolosa guerra scatenata dal papa sisto iv, caterina subisce il matrimonio e, con esso, gli orrori perpetrati dal marito, che si rivela tanto violento quanto pavido e imbelle. quando però, dopo la morte improvvisa di sisto iv, loro protettore, si troverà coinvolta in una serie di feroci scontri tra gruppi di potere e opposte fazioni, il suo palazzo assalito e distrutto, la vita sua e dei figli in gravissimo pericolo, ritroverà lo spirito battagliero e il coraggio indomabile di un tempo e combatterà come e meglio di un uomo, lasciando un segno così indelebile nella vita di chi la ama e di chi la odia da guadagnarsi l'appellativo di tygre.

FALLACI ORIANA: UN UOMO - PARTE 2


AUGIAS CORRADO - FILORAMO GIOVANNI: IL GRANDE ROMANZO DEI VANGELI

Risguardo di copertina

se un viaggiatore venuto da molto lontano cominciasse a sfogliare le pagine dei vangeli totalmente ignaro della loro origine e di ogni possibile implicazione teologica, che cosa leggerebbe? in buona sostanza quattro versioni in parte (ma non del tutto) simili della tragica vicenda di un predicatore che, avendo sfidato il potere della chiesa e dello stato, viene processato e condannato a morte. ma c'è un altro elemento che colpirebbe il nostro ipotetico lettore: la folla di personaggi in cui il protagonista s'imbatte, o da cui è accompagnato, nel corso della sua breve esistenza. il nostro ipotetico lettore sarebbe colpito dalla diversità delle reazioni, dall'odio implacabile allo smisurato amore. noterebbe le turbe, il popolo, una folla indistinta, poveramente vestita, rassegnata o crudele, fatta di pescatori, operai dei campi e delle vigne, pastori, in genere illetterati, alcuni gravemente malati, tutti fiduciosi nella storia del loro popolo e nell'aiuto costante del loro dio. dallo stupore per questa umanità, dalla meraviglia per queste straordinarie presenze umane, è partito corrado augias a colloquio con uno dei maggiori storici del cristianesimo, giovanni filoramo. augias «stringe l'inquadratura» sugli uomini e le donne che appaiono nei vangeli. ne esamina le vite narrate dagli evangelisti ma anche i segreti taciuti, le origini o i destini. a cominciare dalla madre del giustiziato, ad esempio, figura che dovrebbe avere carattere centrale e che - stranamente - risulta, invece, appena abbozzata, presenza sfuggente caratterizzata da rapporti spesso aspri con suo figlio. o il padre (adottivo?), piccolo imprenditore edile, piú che semplice falegname, perennemente muto di fronte alle straordinarie vicende che il destino gli ha riservato. o le figure enigmatiche e sfaccettate di giuda e della maddalena.

CASTILLO LINDA: TRE OMICIDI PER KATE BURKHOLDER - PARTE 1

Risguardo di copertina

le comunità amish della provincia americana più profonda sono prospere e laboriose, coloro che ne fanno parte vivono una vita semplice, lontana dagli eccessi e dalle storture della modernità. eppure, anche tra loro si può nascondere l'assassino più spietato e possono essere celati i segreti più inconfessabili. kate burkholder, capo della polizia di painter's creek, ha l'incarico di far luce su tre tra i più efferati delitti che le cronache abbiano mai registrato. killer freddi, seriali, che si accaniscono sulle proprie vittime nascondendosi tra le nebbie della notte, protetti dall'oscurità e da quel velo di omertà che gli amish usano per difendere loro stessi da qualsiasi ingerenza dall'esterno. kate sa, proprio perché è cresciuta tra loro, quanto sia ingrato il compito che le è stato affidato, ma solo squarciando quel velo potrà rendere giustizia alla memoria di tutte le vittime. tre indagini in un unico volume: "costretta al silenzio", "la lunga notte", "in un vicolo cieco".

ATWOOD MARGARET: I TESTAMENTI (E' IL SEGUITO DE IL RACCONTO DELL'ANCELLA)

Risguardo di copertina

il racconto dell’ancella si chiude con la porta del furgone che sbatte sul futuro di offred. milioni di lettori si sono chiesti che ne sarà di lei: libertà, prigione, morte? l'attesa è finita. il nuovo romanzo, i testamenti, riprende la storia quindici anni dopo, con gli esplosivi testamenti di tre narratrici di gilead.

FALCONES ILDEFONSO: GLI EREDI DELLA TERRA - PARTE 1

Risguardo di copertina

barcellona, 1387. arnau estanyol, dopo le mille traversie che hanno segnato la sua vita e la costruzione della grandiosa cattedrale del mare, è ormai uno dei più stimati notabili di barcellona. giunto in città ancora in fasce e stretto tra le braccia del padre, un misero bracciante, nessuno sa meglio di lui quanto barcellona possa essere dura e ingiusta con gli umili. tanto che oggi è amministratore del piatto dei poveri, un'istituzione benefica della cattedrale del mare che offre sostegno ai più bisognosi mediante le rendite di vigneti, palazzi, botteghe e tributi, ma anche grazie alle elemosine che lo stesso arnau si incarica di raccogliere per le strade. sembra però che la città pretenda da lui il sacrificio estremo. ed è proprio dalla chiesa tanto cara ad arnau a giungere il segnale d'allarme. le campane di santa maria del mar risuonano in tutto il quartiere della ribera: rintocchi a lutto, che annunciano la morte di re pietro... ad ascoltare quei suoni con particolare attenzione c'è un ragazzino di soli dodici anni. si chiama hugo llor, è figlio di un uomo che ha perso la vita in mare, e ha trovato lavoro nei cantieri navali grazie al generoso interessamento di arnau. ma i suoi sogni di diventare un maestro d'ascia e costruire le splendide navi che per ora guarda soltanto dalla spiaggia si infrangono contro una realtà spietata. tornano in città i puig, storici nemici di arnau: finalmente hanno l'occasione di mettere in atto una vendetta che covano da anni, tanto sanguinosa quanto ignobile...

CAROFIGLIO GIANRICO: L'ESTATE FREDDA

Risguardo di copertina

siamo nel 1992, tra maggio e luglio. a bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo pietro fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. nella lunga confessione davanti al magistrato, l'uomo ripercorre la propria avventura criminale in un racconto ipnotico animato da una forza viva e diabolica; da quella potenza letteraria che gadda attribuiva alla lingua dei verbali. ma le dichiarazioni del pentito non basteranno a far luce sulla scomparsa del bambino. per scoprire la verità fenoglio sarà costretto a inoltrarsi in quel territorio ambiguo dove è più difficile distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato. ambientato al tempo delle stragi di palermo, "l'estate fredda" offre uno sguardo pauroso sulla natura umana, ma ci regala anche un protagonista di straordinaria, commovente dignità. e, alla fine, un inatteso bagliore di speranza.

DE GIOVANNI MAURIZIO: 9° EPISODIO DELLA SERIE DELL'ISPETTORE LOJACONO - VUOTO

Risguardo di copertina

sarà perché l'autunno sta cedendo il passo all'inverno. sarà perché i bastardi si trovano tutti in un momento cruciale della vita, ma c'è parecchia inquietudine a pizzofalcone.e a calmare gli animi non contribuisce l'arrivo di un rinforzo da un commissariato del nord. forse perché il nuovo investigatore ha gli occhi troppo verdi e i capelli troppo rossi. forse perché in città c'è troppo vuoto. la professoressa di lettere di una scuola superiore pare essere scomparsa nel nulla. in realtà il marito, un potente industriale, sostiene che se ne sia andata di propria volontà, e non esistono elementi forti per mettere in dubbio la sua parola. ma lojacono e gli altri decidono lo stesso di cominciare un'indagine in modo informale. scopriranno cosí che anche le vite piú piene possono nascondere un vuoto incolmabile. un vuoto che ha innumerevoli colori: uno per ogni paura, uno per ogni orrore.

STRACHAN BERNADETTE: IL CLUB DEL PRANZO DELLA DOMENICA

Risguardo di copertina

quasi tutte le domeniche anna e la sua famiglia allargata si riuniscono per il brunch. si parla, si ride e si mangia sempre troppo. alcune volte le cose davvero importanti rimangono non dette, altre invece si pronuncia la frase sbagliata al momento sbagliato. fa tutto parte del loro appuntamento settimanale. seduta tra l’ex marito e il nuovo compagno, anna sta ancora realizzando l’idea di una gravidanza inaspettata all’età di quarant’anni. intorno al tavolo ci sono anche sua nonna, i suoi fratelli e un ricordo del passato troppo terribile da affrontare. tutto si mescola con il tintinnio allegro delle posate, i profumini delle pietanze appena uscite dal forno e qualche immancabile macchia sulla tovaglia. ma quando una lettera viene recapitata, costringendo anna a fare i conti con il suo passato doloroso, persino l’atmosfera calda e accogliente della tavola domenicale potrebbe non bastare. riuscirà a conciliare quel che è stato con il futuro?

BRADBURY RAY: CRONACHE MARZIANE


CALVINO ITALO: IL CAVALIERE INESISTENTE


CASTILLO LINDA: TRE OMICIDI PER KATE BURKHOLDER - PARTE 2

Risguardo di copertina

le comunità amish della provincia americana più profonda sono prospere e laboriose, coloro che ne fanno parte vivono una vita semplice, lontana dagli eccessi e dalle storture della modernità. eppure, anche tra loro si può nascondere l'assassino più spietato e possono essere celati i segreti più inconfessabili. kate burkholder, capo della polizia di painter's creek, ha l'incarico di far luce su tre tra i più efferati delitti che le cronache abbiano mai registrato. killer freddi, seriali, che si accaniscono sulle proprie vittime nascondendosi tra le nebbie della notte, protetti dall'oscurità e da quel velo di omertà che gli amish usano per difendere loro stessi da qualsiasi ingerenza dall'esterno. kate sa, proprio perché è cresciuta tra loro, quanto sia ingrato il compito che le è stato affidato, ma solo squarciando quel velo potrà rendere giustizia alla memoria di tutte le vittime. tre indagini in un unico volume: "costretta al silenzio", "la lunga notte", "in un vicolo cieco".

CRAPANZANO DARIO: IL MISTERO DELLA GIOVANE INFERMIERA

Risguardo di copertina

nel cantiere di uno stabile in costruzione in via benedetto marcello, zona porta venezia a milano, viene scoperto il cadavere di una giovane donna uccisa con diverse martellate che le hanno sfondato il cranio. il martello utilizzato era a disposizione di tutti gli operai del cantiere, perciò non sono rilevabili impronte digitali utili. tocca al commissario mario arrigoni e ai suoi uomini occuparsi del caso e partire alla ricerca del colpevole. le indagini si muovono scavando nella vita della vittima, gemma salvadori, una ragazza di ventidue anni, aiuto infermiera in una clinica privata. ma definire la personalità della bella gemma non è semplice, perché le informazioni che gli investigatori raccolgono sono contraddittorie: era una giovane ambiziosa e civetta con tanti grilli per la testa come sostiene la portinaia? o una brava ragazza come raccontano la madre e l'amica del cuore, una splendida italo-irlandese già finalista a miss italia? o una via di mezzo, come parrebbe dai colloqui con il personale della clinica santa sabrina? a complicare la vita degli uomini del porta venezia, l'autopsia rivela che gemma era incinta, e da qui parte anche la caccia all'amante, che rimane a lungo misterioso. arrigoni segue diverse piste, ma non si riesce a cavare un ragno dal buco, i moventi sono deboli e aleatori, di prove nemmeno l'ombra. finché l'attenzione non si concentra su un particolare che era sfuggito a tutti. o meglio, quasi a tutti. stavolta c'è un occhio femminile che veglia sul commissario...

AA. VV.: STORIA DI GENOVA. MEDITERRANEO, EUROPA, ATLANTICO - PARTE 1

Risguardo di copertina

(non indicato)

KAYE MARY MARGARET: PADIGLIONI LONTANI - PARTE 1

Risguardo di copertina

siamo nell'india britannica, nel pieno della rivolta dei sepoy del 1857. ash è solo un bambino quando perde entrambi i genitori, lei indiana e lui inglese. sarà la sua balia hindu a salvarlo. per un caso fortunoso il piccolo ash salva la vita al giovanissimo marajà ed entra al suo servizio, fra intrighi di palazzo e peripezie di ogni genere. fino a quando, ad appena dodici anni, sarà costretto a fuggire per sottrarsi a una fine orrenda. in qualità di ufficiale delle guide, un corpo scelto dell'esercito britannico, cercherà di difendere la sua terra tanto dai soprusi dei suoi fratelli inglesi quanto dalla violenza di quelli indiani, sempre in cerca di se stesso, lacerato fra le sue due identità. fra intrighi, tempeste di sabbia, assedi e inseguimenti nella giungla, dovrà superare culture e religioni per incontrare l'amore e cambiare per sempre il destino dell'india.

MALVALDI MARCO: LA BRISCOLA IN CINQUE

Risguardo di copertina

la rivalsa dei pensionati. da un cassonetto dell'immondizia in un parcheggio periferico, sporge il cadavere di una ragazza giovanissima. siamo in un paese della costa intorno a livorno, l'immaginaria pineta, "diventata località balneare di moda a tutti gli effetti, e quindi la pro loco sta inesorabilmente estinguendo le categorie dei vecchietti rivoltandogli contro l'architettura del paese: dove c'era il bar con le bocce hanno messo un discopub all'aperto, in pineta al posto del parco giochi per i nipoti si è materializzata una palestra da body-building all'aperto, e non si trova più una panchina, solo rastrelliere per le moto". l'omicidio ha l'ovvio aspetto di un brutto affare tra droga e sesso, anche a causa della licenziosa condotta che teneva la vittima, viziata figlia di buona famiglia. e i sospetti cadono su due amici della ragazzina nel giro delle discoteche. ma caso vuole che, per amor di maldicenza e per ammazzare il tempo, sul delitto cominci a chiacchierare, discutere, contendere, litigare e infine indagare il gruppo dei vecchietti del barlume e il suo barista. in realtà è quest'ultimo il vero svogliato investigatore. i pensionati fanno da apparato all'indagine, la discutono, la spogliano, la raffinano, passandola a un comico setaccio di irriverenze. sicché, sotto all'intrigo giallo, spunta la vita di una provincia ricca, civile, dai modi spicci e dallo spirito iperbolico, che sopravvive testarda alla devastazione del consumismo turistico modellato dalla televisione.

PATTERSON JAMES- LEDWIDGE MICHAEL: NEW YORK CODICE ROSSO

Risguardo di copertina

i newyorkesi non si fanno intimidire facilmente, ma qualcuno sta facendo del suo meglio per spaventarli sul serio. dopo due esplosioni generate da ordigni inspiegabilmente avanzati, la città che non dorme mai è in allarme. il detective michael bennett, insieme alla sua vecchia amica emily parker dell'fbi, deve individuare e catturare i criminali che si celano dietro gli attacchi e ne rivendicano la responsabilità, nascondendosi nel caos che hanno generato. sulla scia di un assassinio agghiacciante, in una corsa contro il tempo, sfidando il nemico più pericoloso che abbia mai affrontato, bennett comincia a sospettare che questi eventi misteriosi siano solo il preludio di una minaccia più grande. si troverà quindi costretto a ricorrere a ogni sua risorsa per salvare la sua amata città, prima che il peggiore incubo di tutti diventi realtà.

FUSARO DIEGO: PENSARE ALTRIMENTI

Risguardo di copertina

da sempre, sia pure in forme diverse, gli uomini si ribellano. difficilmente le rivolte si lasciano ricondurre a un paradigma unitario, ma presentano come orizzonte comune la rivendicata antitesi rispetto a un ordine costituito o a un «comune sentire» che si pretende giusto. la cellula genetica del dissenso corrisponde a un sentire altrimenti che è, già virtualmente, un sentire contro: e che, per ciò stesso, può trapassare nelle figure concrete in cui il dissentire si cristallizza facendosi operativo. il pensiero ribelle deve costituire oggi il gesto primario contro l'uniformazione globale delle coscienze che si sta registrando nell'orizzonte del nuovo pensiero unico e del falso pluralismo della civiltà occidentale. diego fusaro si propone qui di analizzare le figure del pensare altrimenti, le declinazioni storiche del dissenso e la sua fenomenologia.

BIONDILLO GIANNI: IL SAPORE DEL SANGUE

Risguardo di copertina

deve tornare a casa, in fretta, a quarto oggiaro. ha un piano e pochi giorni per metterlo in pratica: recuperare il denaro che aveva nascosto, prendere sua moglie e sua figlia e volatilizzarsi, prima che qualcuno - magari qualche suo vecchio «amico» - lo faccia sparire dalla faccia della terra. nel suo passato ci sono traffici di droga fra napoli e la germania, omicidi per conto della 'ndrangheta, ricatti e alta finanza. sasà era destinato a una pena di almeno trent'anni, come è potuto uscire di galera così presto e «legalmente»? è quello che, come al solito controvoglia, l'ispettore ferraro dovrà scoprire. a indirizzare le sue indagini ha provveduto una telefonata di augusto lanza, convinto che qualcosa di grosso stia per accadere. così, in una metropoli sferzata da una bufera di neve, fra periferie abbandonate e nuovi grattacieli, fra chiese barocche e palestre di pugilato, ferraro imparerà come un ragazzo qualsiasi sia diventato negli anni un efferato criminale. dovrà cercare di catturare sasà prima che venga di nuovo inebriato dal sapore del sangue. al quale non ha mai saputo resistere.

FUSARO DIEGO: LA NOTTE DEL MONDO

Risguardo di copertina

il rosso e il nero, karl marx e martin heidegger: due filosofi fondamentali per la storia del pensiero d'occidente, accusati però entrambi di essere, in qualche modo, parte in causa nelle tragedie peggiori del novecento, di aver contribuito ideologicamente alle colpe del nazismo e del comunismo. è inevitabile, dunque, che siano pensatori destinati a essere costantemente interpretati, reinterpretati o male interpretati. a seconda del punto di vista, infatti, la critica delle loro opere ha portato a schierarsi con l'uno e contro l'altro, o – peggio – ad assimilarne le riflessioni alle categorie del "precorrimento" o della "filiazione": marx precursore di heidegger, heidegger interprete di marx. in entrambi i casi, il rischio è di incorrere in un'intollerabile reductio ad unum, in cui si perde la specificità dei rispettivi approcci, e il profilo dell'uno viene sacrificato in favore di quello dell'altro, letto alla sua luce e attraverso categorie che non gli appartengono. invece, se ci liberiamo da giudizi precostituiti, questi due grandi intellettuali possono dirci ancora tanto, e il loro contributo si rivela imprescindibile per leggere la realtà in cui siamo immersi. «per mezzo della critica heideggeriana di marx e della critica marxiana di heidegger, è possibile non solo comprendere meglio il codice teorico di entrambi i filosofi, ma anche tentare di prendere posizione rispetto allo spirito del nostro tempo, l'epoca della tecnica planetaria e del capitalismo mondializzato.» ecco perché diego fusaro, studioso e critico severo di questo presente tecnocapitalistico, ha deciso di ripartire dai loro testi, guidando il lettore all'interpretazione diretta del pensiero di marx e heidegger. solo superando l'intricata selva degli approcci critici precedenti, infatti, si può ripensare il lascito di questi due fecondi sistemi di pensiero per far emergere, tramite il loro confronto, l'impensato e il non-detto di ciascuno, e per capire fino in fondo le radici della letale inversione tra soggetto e oggetto cui siamo di fronte: quando cala la notte del mondo, possiamo sempre interrompere la catena in cui ci ritroviamo «signoreggiati dai prodotti della nostra mano, dalle merci e dagli apparati tecnici» e ritrovare finalmente la nostra vera dimensione di uomini.